Il Casino Doxi-Stracca-Valentino ad Alezio (Le)

da dimora storica a Cantina e Home Restaurant Green Food

di Paolo Rausa

Certi luoghi nati per magia visionaria, seppure aristocratica, riescono a mantenere nel tempo l’alone di interesse e di mistero, grazie soprattutto alle persone che sanno leggerne l’anima e che la rappresentano sotto diverse forme. Siamo ad Alezio, nell’entroterra di Gallipoli, nel Salento. La città stato messapica, costruita all’interno dal mare per una ragione di sicurezza. Di là Anxa, poi divenuta con i greci e i romani Città bella o bianca, porto a cui confluivano non i gasdotti ma i fiumi di oro liquido, quell’olio di oliva definito lampante che quotato a Londra veniva spedito in tutta Europa per illuminare le case e le pubbliche vie e piazze. Una cittadina lambita anche dalla storia recente, nella lotta contro la monarchia borbonica per l’indipendenza e la libertà repubblicana. Di Maria Antonietta De Pace innanzitutto, fervente mazziniana, che si adoperò con tutta sé stessa per fare della Giovine Italia l’esempio fulgido di un nuovo modo di governare, di un nuovo rapporto fra i cittadini, non più sudditi, e lo Stato moderno e laico. Qui si inserisce la vicenda del Casino Doxi-Stracca (o Villa Valentino), costruito in località Camerelle, Alezio (Le), una dimora storica risalente al XVIII secolo, a circa 6 km da Gallipoli. Sorge, tra viti e ulivi, sulla strada che da Alezio conduce a Tuglie. Attualmente nella dimora storica, adibita a casa vacanze nel periodo estivo, sono nati due nuovi progetti indipendenti dalla proprietà e dalla casa vacanze. Si tratta della Cantina Stracca, adibita alle degustazioni e presentazioni, e della Home Restaurant Green Food, entrambe gestite da Sonia Cataldo, presidente dell’Associazione Cantieri culturali aperti e Presidio del libro dal 2005, che di questo luogo meraviglioso ha fatto la propria residenza. Infatti la struttura si compone di diversi fabbricati che consentono una diversificazione d’uso nel corso dell’anno. La cantina Stracca, che al momento ospita i vini della Cantina Calosm, accoglierà nel corso dell’anno i migliori vini pugliesi, sarà una vetrina permanente per gli ospiti della struttura e corollario della Home Restaurant Green Food, dove si possono degustare piatti tipici del territorio, con un occhio particolare all’assaggio delle verdure di propria produzione. Quindi la struttura, nata per il sollazzo dei grandi proprietari terrieri salentini e poi napoletani, i Valentino, e successivamente per poter seguire da vicino le attività agricole, quando la figura pariniana del giovin signore entra in crisi per l’affermarsi faticoso di una borghesia terriera visionaria, attiva anche nella lotta risorgimentale, è stata di recente in parte ristrutturata e convertita ad attività di accoglienza turistica. Da alcuni anni il noto interior designer Paolo Genta Ternavasio ha restaurato il Casino Doxi-Stracca, conservandone le caratteristiche e creando un affascinante mix di stili antichi e moderni. La parte ultimata è adibita a casa vacanze e, di recente, ha ottenuto la certificazione DCA da Dream & Charme rientrando nella Top 100 delle ville private. Chi volesse approfondire gli aspetti storici molto interessanti, che riscrivono in parte la storia delle classi dirigenti del Sud nel loro attivismo politico risorgimentale può leggere alcune pubblicazioni: da Costantini, Guida alle Masserie del Salento (Congedo edit., 2006, p. 35) ad A. Costantini e M. Paone, Guida di Gallipoli (Congedo edit. 2007, pp. 171-172) a E. Pindinelli, Ville e casini dell’entroterra gallipolino, in Paesaggi e sistemi di ville nel Salento, a cura di V. Cazzato (Congedo edit., 2006, pp. 212,219,220,221) a V. Cazzato-A. Mantovano, Giardini di Puglia. Paesaggi storici fra natura e artificio, fra utile e diletto (Congedo edit., 2010, p. 137). Chi invece intende restare all’attualità, comunque figlia di quella storia, può consultare i seguenti siti: https://dca-cert.com/accommodations Dream & Charme; https://drive.google.com/file/d/12vxtvTOOF8kK1Is3zR8QQhSePZN8gwLP/view?usp=sharing Forbes. Per tutte le altre informazioni il riferimento è la nuova Maria Antonietta De Pace, ovvero Sonia Cataldo, tel. 3403180471, mail. dimorastoricasalento@gmail.com

Alezio, 02/01/2023

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...