Dal 5 di Ottobre a San Giuliano nuove attività per l’integrazione: lo sportello di ascolto e il laboratorio teatrale

di Paolo Rausa
L’iscrizione e la partecipazione allo sportello di ascolto e al laboratorio teatrale sono promosse dalla Associazione Culturale Orizzonte e sostenute dal Comune. Si accede gratuitamente. Lo sportello di ascolto e consulenza ha sede presso il Luogo Comune di piazza Alfieri, il quartiere Serenella interessato da una eccessiva densità abitativa e dalla presenza di numerose famiglie di migranti, maghrebine, sudamericane e dell’Est europeo. Si tratta di un intervento pedagogico e di assistenza attraverso incontri di gruppo o individuali rivolto ai genitori degli alunni stranieri e non, sui temi della scolarità, della difficoltà di integrazione e della relazione con la scuola. “La famiglia è un sistema aperto influenzato dalle caratteristiche sociali e culturali del proprio contesto e le famiglie straniere devono trovare un equilibrio tra il sistema culturale di provenienza e quello di arrivo al fine di favorire in quest’ultimo una giusta integrazione di tutti i suoi membri”. – presenta così il suo progetto Veronica. Per info e iscrizioni: vevuzza@hotmail.it, tel. 340 9680457. L’obiettivo principale è di favorire l’incontro e il confronto tra le famiglie degli allievi per poter raccogliere, elaborare e condividere i propri vissuti; affrontare le difficoltà scolastiche; gestire i problemi di relazione tra i genitori e figli che comportano difficoltà di comunicazione e creare una rete di comunicazione con le scuole per individuare e condividere un progetto comune di crescita e integrazione dei singoli individui.  Inoltre l’Associazione Culturale Orizzonte in collaborazione con la compagnia Mollettateatro propone il Campus Burattini, un laboratorio artistico creativo legato alla tradizione della marionetta presso lo SpazioCultura della Biblioteca Comunale. “Il laboratorio di costruzione e drammatizzazione con l’uso di burattini integra e arricchisce quello di italiano rivolto agli stranieri, in quanto il teatro di figura è una delle più antiche e comuni forme di narrazione comune a tutti popoli che nasce ben prima del teatro d’attore.” – sostengono Sonia e Lodovico, animatori e attori instancabili. Il laboratorio propone storie raccolte dagli stessi utenti del corso di italiano, tradotte dalla loro lingua madre nel nostro idioma perché le marionette nella loro essenza greve e materiale danno espressione al mondo simbolico ed emozionale. Il laboratorio “Burattini in scena” ha il fine di realizzare delle marionette, di stimolare la creatività e la manualità e di favorire il lavoro di gruppo e lo scambio di esperienze e di tecniche. “Piccole storie, grandi sfide” prevede la creazione di brevi storie al fine di mettere in scena semplici drammatizzazioni. Sono rivolti a giovani, adulti e famiglie straniere e anche italiane. L’uso di materiale povero come scampoli e cartapesta rende facilmente gestibile il corso. Info: mollettateatro@gmail.com, tel. 333 6536059.
San Giuliano Milanese, 30/09/2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...