Carola Rackete, prigioniera di una guerra non dichiarata ma subita

di Paolo Rausa
Carola Rackete, dal curriculum irreprensibile, la sua azione è stata indirizzata sempre a difesa della natura e dei più deboli. Siamo fieri di lei, di questa paladina non di un partito, come è stato scritto su alcuni giornali, ma della terra. Comandante della Sea Watch, Vedetta del Mare. Avrebbe compiuto un atto di guerra, secondo il Ministro dell’Interno, ma noi non abbiamo visto o sentito esplosioni di palle di cannone o il ritmo furibondo della mitraglia. Nessuna offesa tangibile ha arrecato il suo gesto. Ma non ha rispettato la legge! E si è ironizzato sulla novella Antigone, senza capire il gesto di profonda umanità dell’eroina tragica. I legami di sangue sono più forti delle disposizioni di legge, perché i primi non ingannano e queste sono fallaci come gli uomini che le hanno promulgate. Affondare la nave! Ha tuonato la segretaria di Fratelli d’Italia, facendosi una sua legge sommaria. Signor Presidente della Repubblica, quella Costituzione costata sangue e sacrifici è stata calpestata da questa legge disumana, lo sa bene! La legge del mare impone soccorso. La legge degli uomini di salvare vite! E Lei non ha più nulla da dire? E il presidente del Consiglio che si fa scudo del suo vice che dice? Il silenzio dei soci di governo è imbarazzante perché anche voi siete responsabili e non fate i passi necessari per salvare le vite umane e coinvolgere l’Europa e l’ONU. Non è vero che sono insensibili, certo non dimostrano di essere solleciti. Ma questa è un’altra cosa. Non si va alla guerra con dei profughi, caro Ministro. La verità è che la guerra la state facendo voi contro l’umanità. Noi, restiamo umani!

San Giuliano Milanese, 30/06/2019

Annunci

Un pensiero su “Carola Rackete, prigioniera di una guerra non dichiarata ma subita

  1. Gli unici che ” subiscono ” da tempo sono gli italiani…….con situazione dure e spesso violente ….. ed è inutile enumerarle poichè sono dolorose cronache quotidiane…. !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...