‘Feedora’, romanzo di Marco Germani ovvero cronache avveniristiche di fine millennio. Presentazione a San Giuliano il 3 di febbraio alle ore 16,00 in Sala Previato

di Paolo Rausa
“Trascendere i propri limiti e dominare l’universo” è il motto impresso sulla Medaglia Fields, riconoscimento  equivalente al Nobel della matematica che viene assegnato a chi non ha superato i 40 anni, attorno al volto di Archimede, matematico, fisico e inventore siracusano. Premio che quest’anno è stato assegnato ad Alessio Figalli, 34 anni, convinto della necessità di collaborazione fra scienziati, medici, umanisti, giuristi, per un futuro condiviso. Il proposito che è alla base della città di Feedora. We feed the word! Nutriamo il pianeta è la sua missione, di un’immensa struttura superorganizzata da una mente occulta per soddisfare i bisogni dei suoi abitanti, rigidamente diretti e divisi in quartieri invalicabili e autonomi. Per ogni abitante è stabilita la sua funzione sociale e professionale. I compiti sono di volta in volta trasmessi attraverso un dispositivo ottico-osmotico, la pneumoposta. Video, musica, cibo arriva in ogni appartamento ricavato da edifici uniformi, squadrati. In ogni quartiere le fabbriche della Syntefood promettono il paradiso, un posto magico in cui si cura il presente e si assicura il futuro, dove si gustano le prelibatezze preparate meccanicamente, dal nome evocativo: il PanO’Plast, il SintheJuice e il carbovino, realizzato con aromi d’uva e coloranti viola.  In aggiunta la Società provvede alla distribuzione del ReallyFisch con aromi alla ciliegia al forno. Feedora è la città  della cultura, pensa a tutto e al benessere di tutti, fuori vi è il nulla. Esiste e sempre esisterà. E’ l’eternità! L’individuo, che svolge pure le funzioni direttive e operative per il suo funzionamento, è annichilito sul piano delle scelte e delle libertà. Tutto è preordinato, tutto è predisposto. Immaginate le atmosfere cupe e umidiccie di pioggia in ‘Blade Runner’, il film di fantascienza del 1982, diretto da Ridley Scott e interpretato da Harrison Ford e Rutger Hauer, in quel bellissimo e drammatico monologo finale del replicante che vuole più vita: “Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi:  navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione,  e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.  E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.  È tempo di morire.” Quel tempo arriva presto a Feedora, dopo il periodo di lavoro fissato a 20 anni. Al termine si viene mandati nella zona serena e felice dove – dice la propaganda – si godono i frutti di una vita trascorsa ad assicurare continuità a Feedora e alla sua organizzazione. L’idea di una città della sapienza e dell’ordine e del benessere ha da sempre attraversato la mente dell’uomo, riflessa nella organizzazione politica e sociale e affidata al reggimento dei filosofi nella Repubblica di Platone o nella Città del Sole di Campanella o nella Utopia di Tommaso Moro, del 1516, ripresa nei film avveniristici, di fantascienza, di riflessione sul futuro utopico o distopico come immaginato nel film ‘The Truman Show’ del 1998 diretto da Peter Weir, una satira fantascientifica, ispirata alla vita raccontata in televisione nei reality show. Nel romanzo di Marco Germani, che rientra in certa letteratura apocalittica, i protagonisti sono identificati con i numeri, 1167, il tecnico cuciniere, 1185, una ragazza dai capelli rossi e dagli occhi verdi, ingegnere, e 7649, un trasportatore. E’ proprio dai residui dei loro sentimenti umani, l’amicizia, il sentimento d’amore velato e attraverso il balenare dei ricordi che nasce un moto di repulsione e rivolta nei confronti di una realtà modificata e alterata dall’utilizzo di programmi scientifici gestiti dalla Zhui Enterprise Genetic Improvement. La Formula di Dio e il programma Selection hanno reso il pianeta un deserto, privo ormai di patrimonio animale e vegetale che lo aveva arricchito e contraddistinto. I protagonisti scopriranno un’amara verità dietro quel cibo che viene somministrato.  L’angoscia provata ci consente di riflettere sul cammino della nostra società, che sembra sottovalutare i limiti dello sviluppo. Siamo ancora in tempo, sembra richiamare lo scrittore, a distrarci da una reale e paventata Feedora, dai rischi e dai pericoli se non si interverrà per guidare verso la sostenibilità la nostra esistenza. Marco Germani, Feedora, Bibliotheka Edizioni, 2017, Roma, pp. 348, € 17,00. Presentazione a San Giuliano il 3 di febbraio alle ore 16,00 in Sala Previato, Rassegna del Comune dedicata agli autori sangiulianesi.

San Giuliano, 23/01/2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...