‘Milano e il mare dentro, Sopravvivere alla metropoli’, di Giuseppe Selvaggi

16473869_1326055190771165_1162356817472453319_ndi Paolo Rausa
Milano e il mare dentro, come una conchiglia che preserva il rumore del mare nonostante se ne sia allontanata, così Giuseppe Selvaggi di Bisceglie ma milanese di adozione, anzi sestese, di Sesto San Giovanni, una città alla periferia nord di Milano, medaglia d’oro alla Resistenza, si porta dietro quel rumore delle onde lontane dal paese natìo. Insieme ai ricordi, agli affetti, combinati con gli incontri vissuti nella grande metropoli lombarda, occasionali, di gente umile, con il cuore in mano. Tipi vari di umanità che si incontrano. Ed è allora che sgorgano la commozione e il pianto, nell’anziano, nell’uomo di strada, nell’impiegato ognuno preso nel proprio ruolo. Giuseppe, Pino per gli amici, curioso, sa svelarti tutto di chi incontra e a sua volta si mette a nudo: gli affetti più cari, i bisogni più impellenti, una lacrima, un sorriso, una carezza… Il paesaggio biscegliese e quello milanese si s/compongono, il mondo conosciuto diventa un dilemma inspiegabile, che viene piegato solo dal nostro desiderio, dal nostro bisogno di interrogare il mistero della vita. Siamo conterranei con Giuseppe Selvaggi, lui è nato più a nord e si sente dal modo spiccio di parlare e di intessere storie di vita che si frammischiano fra il passato di biscegliese, studente e figlio di gente del popolo, e il presente di milanese che vive in una cittadina e lavora nella metropoli lombarda. Il piglio è lo stesso. Pino prepara il telaio e comincia a intessere l’ordito con storie verosimili, suggerite dalle muse. Questo riportava Ovidio di Esiodo. A partire dal rapporto con la madre ancora vivo, nonostante lo abbia lasciato qualche anno fa.  Come Pirandello in Caos, nella sua villa. E con il padre, avanti con l’età, che ha perso l’udito, ma non il desiderio di rivedere il figlio ritornare per sempre fra quelle pareti domestiche dove lo ha visto crescere, e studiare, e partire lontano in quella città del nord, dove c’è sempre la nebbia. Tutti gli angoli di Bisceglie conservano i cari ricordi e si dissolvono in quelli di Sesto San Giovanni dove Pino si è stabilito dapprima come giovane professionista dopo aver condiviso con i vicini una casa di ringhiera, la finestra sul cortile, sull’infinito. In via Padova, dove è possibile farsi un viaggio nel mondo con soli 1 euro e 50 centesimi, il prezzo del bus, dove resistono pochissimi italiani e le insegne si illuminano nelle lingue più varie e le parlate evocano storie lontane da mille e una notte. Questa città può dunque evocare la magia di un paese assolato del Sud: il mare con tutti i suoi rumori, le onde, gli andirivieni, i viaggi di Ulisse, di Enea e dei profughi che sui barconi della speranza, spesso della morte, solcano  il mare. Per questo se lo porta dentro il mare dalla sua natìa Bisceglie, noi intenti a capire il senso di un uomo che si rispecchia nelle storie degli altri, nelle storie del mondo, nella sua Bisceglie e nella nostra Milano. Ed Insieme, 2016, Terlizzi (Ba), pp. 185, € 15,00. Presentazione del libro sabato 11 febbraio 2017 ore 16:30 alla libreria ‘Laformadelibro’  via 20 Settembre 63, tel. 0499817473.

Milano, 05/02/2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...