La terra trema nel centro d’Italia

1472047084-terremoto-magnitudodi Paolo Rausa
Portando lutti e distruzione, come la mano dell’angelo che scuote la terra fin dal profondo, 4000 metri sotto il livello del suolo. Amatrice, Accumuli e Arquata oggi, Venzone ieri nel 1976 e l’Irpinia nel 1980 e molti altri. Qui sono stato volontario a sgomberare le macerie, lì ad ammirare la voglia di rinascita dei friulani. La dorsale appennina si muove e trascina con sé rovine, senza curarsi delle ragioni della povera gente che ha creato centri e casupole, paesini graziosi, pieni di storie, di tradizioni, di sagre che hanno fatto di una terra scoscesa una ricchezza meravigliosa a vedersi ed ora tragicamente prostrata. In tempo di pace non lasciamo che tutto dorma, alziamo argini, prevediamo sicurezze, azioni mirate a trovarci pronti e non del tutto inermi a subire le leggi della natura, l’incuria degli uomini e del tempo. L’angelo sterminatore ha mosso le sue ali non protettive ma livellatrici, come per ammonire gli uomini dalla loro empietà, dalla loro hybris. Noi sgomenti assistiamo al dolore e alla morte! Piangiamo, chini sui corpi esanimi. Siamo con voi a ricostruire i nostri luoghi del cuore, una casa, una strada, una chiesa, un bar, un luogo di ritrovo perché si possa ricominciare a vivere, umili, per aver imparato la lezione che subiamo per i colpi della fortuna, a cui non possiamo che rispondere con la nostra umanità…

San Giuliano Milanese, 25/08/2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...