La voglia di cambiamento nel voto amministrativo di giugno. A San Giuliano Milanese storico ribaltamento del centro-destra.

Alessandro Lorenzanodi Paolo Rausa
Il voto amministrativo ha cambiato la geografica politica e amministrativa nelle grandi e piccole città dove si è votato. Clamorose inversioni di rotta a Roma e a Torino, passate a 5 Stelle e a due donne sindache per la prima volta, a Varese storico feudo della Lega passato al centro-sinistra, e più vicino a noi, a San Giuliano Milanese, sempre amministrato dalla sinistra e dal centro sinistra, prima dal PCI da solo e poi in alleanza con il PSI  e con liste civiche, fin dal dopoguerra. L’aveva scelto Valpreda per sposarsi, attribuendo a questo comune alla periferia sud-est di Milano  il riconoscimento di baluardo rosso. Molte cose sono cambiate. Il PD ha già cominciato a discuterne a caldo ieri sera in un commosso e improvvisato intervento del sindaco uscente Alessandro Lorenzano, che ha raccolto al secondo turno 5.649 voti (il 43,06%), di più rispetto al primo turno (4.457 voti, il 29,13%) ma non sufficienti per contrastare il suo competitore del centro-destra Marco Segala con i suoi 7.470 voti (il 56,94%), più di tremila rispetto al primo turno. Un risultato temuto dal PD e dalle liste civiche che lo hanno affiancato, soprattutto perché si respirava quest’aria di accerchiamento nel paese che ha visto coagularsi intorno al centro destra espressioni delle vecchie rappresentanze politiche di sinistra e liste civiche. Si percepiva quasi nelle narici una ventata di cambiamento, perché si attribuiva alla responsabilità della sinistra la cattiva gestione della società di servizi Genia, una municipalizzata che ha accumulato un debito spaventoso di 75 milioni. Per la verità – comeMarco Segala (1) ha battuto Lorenzano nel corso della campagna elettorale – si sarebbero ridotti a 45 grazie ai piani di rientro previsti dalla politica amministrativa sobria e risparmiosa della sua amministrazione. Ma la voglia di cambiamento ha spazzato via la pure meritoria azione di pulizia che era stata avviata dentro il partito e le istituzioni con la espulsione dei responsabili delle gestioni precedenti e la marginalizzazione di altre figure discusse, che poi si sono espresse apertamente a favore del centro-destra. La lista dei 5 Stelle non ha risposto quanto si sarebbe auspicato all’appello lanciato da Lorenzano alla vigilia delle elezioni con la offerta della presidenza del consiglio e lo stesso atteggiamento gli ha riservato la lista alla sua sinistra, ufficialmente rimasta estranea al ballottaggio. Per il PD, che ha contato sull’entusiasmo di molti giovanissimi  presenti in lista, comincia l’opera di ricucitura con i cittadini e le realtà economiche e sociali alla riconquista della fiducia perduta.

San Giuliano Milanese, 20/06/2016

Annunci

2 pensieri su “La voglia di cambiamento nel voto amministrativo di giugno. A San Giuliano Milanese storico ribaltamento del centro-destra.

  1. I 5 stelle non si alleano con nessuno, ma ti vuoi informare!? Chi ha perso non è il PD ma Lorenzano. E’ riuscito nell’impresa di perdere una città rossa da sempre. Questo perché ha governato male e preso per i fondelli i cittadini. Segala? Un’alternativa. Credibile o meno lo vedremo alla fine del mandato. Per ora godiamoci questo momento e speriamo che per il nostro comune ci siano giorni migliori di quelli visti negli ultimi anni,

    • Colui che scrive l’articolo è chiaramente un sostenitore del sindaco uscente appare evidente.
      Egli si sofferma parlando di Genia, la società pubblica lasciata fallire proprio da questa amministrazione, su di una fantomatica riduzione del debito, personalissimo parere dello scrittore, azione meritoria non certamente condivisa dal Tribunale di Lodi e dalla relazione allegata alla declaratoria di fallimento.
      Lo scrittore sbadatamente dimentica che sono rimasti in ostaggio del curatore fallimentare case di edilizia residenziale pubblica, campi da calcio, scuole, e centri di aggregazione.
      Si dimentica inoltre che a causa di una cattiva politica, proprio di questi ultimi cinque anni, sono stati sacrificati 14 posti di lavoro, tra le professionalità presente all’interno della municipalizzata, salvaguardando invece evidenti “conflitti di interesse” e stipendi “d’oro” del management; incomprensibile agli occhi degli organi preposti al controllo dell’Ente come il presidente in carica, alla stessa Genia, potesse diventarne anche il liquidatore………ovviamente il PD si faccia delle domande e delle risposte sull’operato disastroso di questo ultimo quinquennio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...