‘Ho sognato la cioccolata per anni’ con la Compagnia EvoCantoTEATRO all’Ariston di San Giuliano nel giorno della memoria il 27 gennaio 2016

Antonietta Centoducati e  Gianni Binellidi Paolo Rausa
Le note della ‘Vita è bella’, dal film di Roberto Benigni, risuonano dal palco del cine teatro Ariston di San Giuliano Milanese.  Al pianoforte Ovidio Bigi accompagnerà nel corso dello spettacolo teatrale ‘Ho sognato la cioccolata per anni, tratto dal romanzo autobiografico, i ricordi della giovane Trudi Birger di Francoforte, una vita come tante, fino a quando non vi irrompe il nazismo nell’anno 1934. Maria Antonietta Centoducati la rappresenta, dapprima sbalordita, poi attonita e addolorata per l’interruzione della sua infanzia, perseguitata come centinaia di migliaia di ebrei, zingari, omosessuali e comunisti. Francesco Maroni dell’Anpi da il senso alla serata con la lettura di un’introduzione commossa. Che non accada più! Ma il gerarca nazista non perdona, lo si vede nei modi bruschi e nella voce quando ulula ordini, che intimoriscono tutta la sala. Il racconto di Trudi si snoda nei ricordi di quand’era soltanto una ragazzina e partecipava ai pomeriggi danzanti intorno al the, un’occasione per divertirsi. Ma non è data possibilità allo svago. Sbattuta dal ghetto di Kovno, in Lituania, al campo di concentramento di Stutthof, in Germania. La sua condizione è precaria, tormentata e soprattutto preoccupata per le condizioni della vecchia madre. In fila per tutto, per un tozzo di pace. Lì esposta, come tanti altri, a subire umiliazioni e violenza, in fila anche davanti al forno crematorio. Dei corpi non restano che volute di fumo e cenere… Lo stato d’animo della fanciulla è reso fino allo spasimo dall’attrice che sulla scena riflette le condizioni terribili di quell’esperienza. Un miracolo, come a volte accade, la salva all’ultimo momento mentre attende il suo turno vicino alla bocca infuocata. Grande prova di commozione e di bravura degli attori, mentre la musica del maestro Ovidio Bigi batte sulle note cupe di un’esperienza che non deve accadere mai più. In mattinata nello spettacolo erano state coinvolte le scolaresche e avevano assistito in silenzio, col groppo in gola, come tutti noi la sera, succubi della guerra deprecabile nel ricordo di quei giorni terribili. Mai più! Info: Compagnia EvoCantoTEATRO, mail: antoniettacento@alice.it.

San Giuliano Milanese, 2/2/2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...