Il Liceo Capece di Maglie e Nuova Messapia per il recupero del Dolmen Chianca

gli studenti e il dolmen chiancaNon accade spesso che in nome della difesa e della valorizzazione del territorio e dei monumenti che vi insistono si formino delle alleanze, ma quando accade si realizza finalmente quella visione olistica dove la cultura sedimentata nel tempo, i segni vistosi monumentali, le tracce che le passate civiltà hanno lasciato, vengono riconosciuti come beni da preservare. E’ il caso del Dolmen Chianca (il nome del lastricato solare) in località Policarita (dal suggestivo lemma greco) a Maglie, nel Salento centrale fra Otranto e Gallipoli, due ridenti località turistiche ma anche due porti importanti messapici. Per la verità non  mancano nel territorio di terra d’Otranto altre testimonianze che datano al periodo preistorico, come dolmen, menhir o incisioni e pitture rupestri databili al periodo neolitico. In particolare sono da citare il monumento detto ‘Centopietre’ a Patù nei pressi di S. Maria di Leuca, un edificio di culto o un monumento sepolcrale, il cosiddetto masso della vecchia a Giuggianello, una serie di chianche, massi sovrapposti, dalle dimensioni ciclopiche, gli allineamenti dei menhir a Minervino di Lecce e a Giurdignano, le grotteil masso della vecchia di Porto Badisco con le pitture parietali che raffigurano scene di caccia e scene religiose con lo sciamano che sovrintende a una cerimonia nuziale, dove secondo la leggenda, contesa da Castro, approdò Enea, le veneri steatopigie di Parabita, i resti fossili e umani nelle grotte di Leuca, ecc. Tutti elementi che definiscono la frequentazione neolitica del Salento, un territorio che trova esemplificazione nel paesaggio pittoresco definito dalle distese degli ulivi, che per la verità ora non se la passano così bene. E’ merito della Associazione Nuova Messapia, che promuove la conoscenza del territorio, se nel corso delle campagne di ripulitura dai rifiuti abbandonati, alle Centopietre_di_Patùquali partecipano le scuole, ha coinvolto gli studenti del Liceo Capece di Maglie  nel rinvenimento di questo monumento che necessità di recupero.  Si è provveduto ad isolarlo dalle erbacce e a far intervenire la Soprintendenza, ma è il lavoro di catalogazione e di studio che ora spetta alle classi. Insieme all’Associazione il dolmen Chianca verrà adottato, verrà proposto un recupero rispettoso e l’apposizione del vincolo monumentale e paesaggistico su di una zona che ha lasciato questa traccia perché sia riconosciuta e preservata. Info: Nuova Messapia, Soleto, tel. 333 8451218,  nuovamessapia@yahoo.it, Maria Selenia Manganiello (coordinatrice del progetto), maria.selenia2014@gmail.com, 328 3627566.

Poggiardo, 30/05/2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...