1945-2015: 70° anniversario della Liberazione, Progetto Giovani e Resistenza Terza annualità “Trilogia della Resistenza”: dal 25 aprile 1945 verso un futuro possibile

Senza titolo-1di Paolo Rausa
La Resistenza e i giovani, a 70 anni dai fatti accaduti la Liberazione dal nazifascismo grazie alla lotta di popolo: da qui è nata la nostra Repubblica. Si può spiegare tutto questo ai giovani, facendoli partecipare ad un percorso formativo e teatrale? L’Associazione Extramondo scommette di sì! ‘Abbiamo  coinvolto 4 scuole superiori tra Milano e Sesto San Giovanni, a conclusione del progetto triennale sulla Resistenza, che ripercorre tappe fondamentali della nostra storia recente e dei nostri luoghi’ – Michela Blasi, regista professionista che alterna la direzione di spettacoli con attori professionisti all’attività ormai ventennale di progetti teatrali scolastici -, illustra soddisfatta il progetto, ideato da Andrea Facciocchi. ‘Lo spettacolo finale vedrà in scena 50 studenti-attori e alcuni attori professionisti. – continua – Lo rappresenteremo in un teatro di Sesto San Giovanni per il grande evento “Oggi, 25 aprile 1945”, col sostegno di Fondazione Cariplo, e a Milano, al Teatro Elfo Puccini, il giorno 8 aprile 2015, col patrocinio del Comune di Milano e dell’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). Una trilogia che è partita nel 2013 con la rappresentazione dello spettacolo “Tre giorni e poi l’inferno” – sull’eccidio di piazza Loreto – e che ha coinvolto i licei Carducci e Tenca e l’istituto Marignoni-Polo. La seconda tappa ha sviluppato un aspetto caro al mondo sindacale e operaio della zona di Sesto San Giovanni e di Cologno Monzese, quello degli scioperi del 1944, quando le fabbriche (dalla Ercole Marelli alla Breda alla Falck) restarono paralizzate dalle manifestazioni di protesta contro la militarizzazione del lavoro. L’indagine e la ricostruzione storica ha trovato espressione e rappresentazione nello spettacolo teatrale “Pane e pace!”.  Ora la terza tappa, dedicata alla Liberazione, nella celebrazione del suo settantesimo anniversario. L’idea base del progetto è di considerare il 25 aprile del 1945 non come momento finale di un processo, ma come un fenomeno politico e sociale da cui prende il via la costruzione della nostra nazione, libera e pacifica, valori sanciti nella Costituzione. Dalla fine della guerra e dalla liberazione dal nazifascismo si passa a comprendere il grande sforzo di un popolo e della sua classe politica dirigente nell’edificare il nuovo stato regolamentato da una carta costituzionale moderna e aperta al mondo dei diritti, della pace e della libertà. Si prevede la partecipazione di 50 studenti provenienti da istituti scolastici (il De Nicola e lo Spinelli di Sesto San Giovanni, il Carducci e il Marignoni Polo di Milano). Michela Blasi, l’anima di questo progetto insieme ad Andrea Facciocchi, ricorda con commozione le rappresentazioni precedenti e le indica come esempi di una scuola che funziona e che ‘forma’. Extramondo, la loro creatura associativa,  nasce nel 1993 e si perfeziona nell’incontro con l’Odin Teatret di Eugenio Barba. Hanno maturato in questi anni la sensibilità verso una drammaturgia impegnata, che ha prodotto la rappresentazione nei teatri milanesi e nei festival nazionali delle opere di vari autori, Thomas Bernhard, Heiner Muller, Giovanni Testori, Peter Asmussen e Antonio Tarantino. Per info: http://www.extramondo.org.

San Giuliano Milanese, 26/02/2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...