WWF Living planet report la Terra, negli ultimi 40 anni ha perso il 52% degli animali

wwf-reportIn Italia di zoo non ce ne sono più. In Gran Bretagna sì. “Se la metà degli animali dello zoo di Londra morisse nelle prossime settimane, la notizia sarebbe sulle prime pagine di tutti i giornali: ed è proprio questo che sta accadendo nella realtà”. Con questo esempio, Ken Norris, direttore scientifico della Società zoologica di Londra (Zoological society of London, Zsl), ha presentato il Living planet report 2014, il rapporto biennale redatto insieme al Wwf. Un’edizione poco adatta ai deboli di cuore. Il Living Planet Index (LPI), che misura più di 10.000 popolazioni rappresentative di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci, ci “avvisa” infatti che. tra il 1970 e il 2010, la popolazione animale del pianeta è diminuita del 52% dal 1970 a causa di inquinamento e distruzione degli habitat naturali.
In altre parole, in meno di due generazioni, le dimensioni della popolazione di specie di vertebrati sono diminuiti della metà. Si tratta di forme viventi che costituiscono il tessuto degli ecosistemi: sostengono la vita sulla Terra e sono il barometro di quello che stiamo facendo al nostro pianeta, la nostra unica casa. Ignoriamo il loro declino a nostro rischio e pericolo. Stiamo usando i doni della natura come se avessimo più di una Terra a nostra disposizione. Prendendo sempre più dai nostri ecosistemi, stiamo mettendo in pericolo il nostro stesso futuro. La conservazione della natura e lo sviluppo sostenibile vanno mano nella mano: non si tratta di preservare la biodiversità e i luoghi naturali, ma anche di salvaguardare il futuro dell’umanità, il nostro benessere, l’economia, la sicurezza alimentare e la stabilità sociale: anzi, la nostra stessa sopravvivenza.

Le cause della perdita
Come riportato dal grafico, la perdita del 52% degli animali del pianeta sono stati causati per il 37% dallo sfruttamento (petrolio&gas, caccia, pesca, foreste, agricoltura ecc); per il 31% dal depauperamento e il degrado degli habitat; per il 13,4% dalla perdita di habitat; per il 7,1% dai cambiamenti climatici (ma stimati in forte ascesa già nel breve futuro); per il 5,1% da specie invasive; per il 4% dall’inquinamento; per il 2% da malattie. Prendendo le sole specie d’acqua dolce, che mostrano un calo medio del 76%, la loro perdita sarebbe dovuta alla frammentazione degli habitat, l’inquinamento e specie invasive: modifiche a livelli di acqua e connettività sistema d’acqua dolce – per esempio attraverso l’irrigazione e dighe idroelettriche – hanno un forte impatto sugli habitat di acqua dolce.
La situazione è talmente preoccupante che può sembrare difficile guardare al futuro positivamente. Difficile, certo, ma non impossibile – perché noi stessi, noi che abbiamo causato il problema, siamo in grado di trovare la soluzione. È ora di chiudere questo capitolo distruttivo della nostra storia per costruire un futuro in cui le persone possano vivere e prosperare in armonia con la natura.

Correre ai ripari
“Non possiamo proteggere la natura senza riconoscere anche i bisogni e aspirazioni di persone, e il diritto allo sviluppo. Ma allo stesso modo, non possiamo avere sviluppo o soddisfare i bisogni e le aspirazioni di persone senza protezione della natura”, dichiara Marco Lambertini, direttore generale del WWF International.
In un mondo dove tante persone vivono in condizioni di povertà, può sembrare che la protezione della natura sia un lusso. Ma è tutto il contrario. Per molte delle persone più povere del mondo è un’ancora di salvezza. È importante sottolineare, però, siamo tutti sulla stessa barca. Tutti necessitano di cibo sano, acqua fresca e aria pulita, in qualsiasi parte del mondo si viva.
“Abbiamo bisogno di una leadership per il cambiamento Seduto sulla panchina in attesa di qualcun altro a fare la prima mossa non funziona. I Capi di Stato hanno bisogno di iniziare a pensare a livello globale: imprese e consumatori hanno bisogno di smettere di comportarsi come se vivessimo in un mondo senza limiti”.
Siamo tutti collegati e, collettivamente, abbiamo il potenziale per creare le soluzioni che salvaguardino il futuro di questo, il nostro unico e solo pianeta.

Associazione per il Parco Sud Milano
http://www.assparcosud.org/14-istituzioni/1145-wwf-living-planet-report-negli-ultimi-40-anni-la-terra-ha-il-52-degli-animali.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...