“La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni” di Agostino Picicco

10253752_10202937127621538_765833446201597638_ndi Paolo Rausa
‘Che cosa avete contro la nostalgia, eh? E’ l’unico svago che resta per chi è diffidente verso il futuro, l’unico!’ Così Carlo Verdone nel film ‘La Grande Bellezza’ di Paolo Sorrentino, vincitore dell’Oscar. Non che le memorie, i ricordi di Agostino Picicco sfiorino l’elogio della nostalgia, quanto una rievocazione dolce e tenera di momenti significativi della sua vita, comune a molti di noi che hanno lasciato le terre di Puglia e sono giunti in Lombardia, a Milano, a svolgere ruoli significativi nelle arti e nelle professioni. Il riconoscimento che rivestono queste perle, ed Agostino è un provetto pescatore, giunge ora dalla Provincia di Milano e dall’Associazione Regionale Pugliesi che le presentano al pubblico, milanese e pugliese, alla sede di Palazzo Isimbardi, in corso Monforte 35, domenica 18 maggio 2014 alle ore 17,00. “La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni” rievoca luoghi noti del paese natio (la piazza, il mercato, le feste, i giochi, la scuola, ecc.), collocati nel tempo appena trascorso, e passa in rassegna episodi e fatti vissuti con semplicità e descritti con una certa comprensione e bonarietà, intessendo un legame con l’attualità. Quel passato, quella società semplice delle piccole cose, che si affannava a condurre una vita dignitosa, diventano una specie di stella polare, di faro che irradiano il presente. La convulsione della nostra attuale società in cui facilmente ci si smarrisce allora diventa l’occasione per decantare i valori del buon tempo andato. Gli insegnamenti ricevuti, l’educazione, l’esperienza di una vita sobria e faticosa assumono riferimenti per il presente, ora che tutto sembra evanescente. Non è solo un viaggio a ritroso quello che ci propone l’autore, ma un viaggio negli affetti fra le persone più care, le amicizie, le prime esperienze adolescenziali, le ore trascorse sui banchi di scuola, che non passavano mai, tuttavia ricche di apprendimento, e i luoghi dei giochi, della spensieratezza, degli amori, dei dibattiti pubblici nell’agorà sociale del suo paese, che potrebbe essere qualsiasi paese del Sud, del Mediterraneo. Letture sceniche dei brani più significativi si alterneranno ai virtuosismi dell’arpa, che ci riporteranno in un’età senza tempo, quello della nostra anima. A discutere di queste riflessioni di Agostino Picicco sono stati chiamati illustri oratori che come lui hanno vissuto il distacco dal paese natio e l’inserimento con successo nella società milanese: Maria Luisa De Natale, ordinario di pedagogia dell’Università Cattolica di Milano e già pro-rettore dell’Ateneo, Dino Abbascià, presidente dell’Associazione Regionale Pugliesi di Milano e autore della prefazione, e il giornalista Giuseppe De Carlo, autore della postfazione. L’introduzione è affidata a. Giuseppe Selvaggi, studioso di tradizioni popolari. Insieme al Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia ing. Novo Umberto Maerna e a Livia Pomodoro, Presidente del Tribunale di Milano, ascolteremo con una certa emozione le storie di un tempo, del nostro tempo. Al termine verrà offerto un rinfresco di prodotti rigorosamente tipici pugliesi. ‘La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni’ di Agostino Picicco, ED Insieme, Terlizzi (Ba), 2014, pp. 160, € 10,00.

Poggiardo, 5/5/2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...