“Pisa nell’anima”, 20 pisani eccellenti ritratti dal fotografo Nicola Ughi e intervistati da Cristina Barsantino

23_UGH_2286 Letta-webDall’intervista a Enrico Letta: “ … Via Tino di Camaino, dove sono nato e ho trascorso la mia infanzia. Vi sono tornato per fare la foto per questo libro, ed è stato emozionante perché per me è una sorta di “via Gluck”. Accanto scorre la ferrovia, ed è una specie di confine tra mondi: di qua, il quartiere di Porta a Lucca, quello dei “bimbi bene”, di là il quartiere di Gagno, quello dei “bimbi male”… Li ho frequentati entrambi, grazie a due cose che mi hanno costretto ad attraversare continuamente quel confine: le scuole medie Mazzini e la Parrocchia di San Pio X…”

Altre interviste a: Massimo Augello, Andrea Bocelli, Stefano Bottai, Maria Chiara Carrozza, Giovanni Battista Cassano, Paolo Conticini, Mauro Del Corso, Roberto Farnesi, Marco Filippeschi, Giovanni Galli, Gina Giani, Enrico Letta, Marco Malvaldi, Dario Marianelli, Cristiano Militello, Franco Mosca, Sauro Pasini, Andrea Piccaluga, Andrea Pieroni, Simone Rugiati, Grazia Salimbeni, Salvatore Settis, Marco Tardelli.

Il libro – Esce nelle librerie il 9 dicembre “Pisa nell’anima”, il libro scritto da Cristina Barsantini ed edito da ETS che racconta la città toscana fuori dallo schematismo delle guide o dall’erudizione dei saggi.

Protagonisti sono la città e 23 “pisani doc” intervistati dall’autrice che raccontano cosa è Pisa per loro. Tutti hanno un tratto caratteristico, tipico dei pisani, nelle loro storie personali: in città ci sono arrivati ma non ci sono nati, oppure ci sono nati ma poi se ne sono andati. Storie sempre diverse, ma tutte col ricordo di una valigia in mano, tanta nostalgia alle spalle e tanto entusiasmo davanti. Nicola Ughi, recente vincitore degli International Photography Awards 2013 con una foto di Andrea Bocelli, è l’autore della maggior parte dei loro ritratti, in cui li coglie negli ambienti di lavoro, nelle abitazioni, nell’angolo di città preferito oppure nei quartieri in cui sono cresciuti. Ma a essere protagonista è anche Pisa, fotografata da Ughi sia di giorno che di notte in un suggestivo colore che restituisce tutto il fascino di una città che dal medioevo non smette di prendere appuntamenti con la Storia.

ENRICO LETTA – Enrico Letta è fotografato da Nicola Ughi nella strada in cui è nato e ha cominciato a conoscere il mondo: via Tino di Caimano. Che per il presidente del consiglio è una sorta di personale via Gluck. A fianco una ferrovia che divideva il quartiere elegante di Porta a Lucca da quello popolare di Gagno. Un confine continuamente attraversato da piccolo per andare alle scuole medie di zona e alla parrocchia. “La Parrocchia di San Pio X – racconta – è stata l’altro grande luogo dove ho vissuto insieme alla gente di quei quartieri: dopo anni capisco sempre più quanto sia stato importante e fecondo quell’ambiente. Lì quella barriera sociale, rappresentata dalla ferrovia, scompariva magicamente, eravamo tutti uguali, spensierati, sotto le ali del sanguigno Don Battaglini, la cui presenza nel quartiere era forte, importante, tanto da meritarsi il soprannome di “Papa di Gagno”. Quel confine vorrebbe continuare a oltrepassarlo da grande: “… spero… che il mio impegno possa contribuire a creare una società dove si riesca ad attraversare nuovamente quella ferrovia… a far funzionare di nuovo l’ascensore sociale…”.

IL FOTOGRAFO – Nicola Ughi, classe 1972, alla fotografia professionale ci arriva tardi anche se la04_Bocelli_opera-duomo-Torre-IMG_1031-media sua è una passione che coltiva sin da adolescente. Dopo la laurea in storia per 10 anni si dedica a tutt’altro prima di iscriversi nel 2006 al master in fotoreportage della scuola John Kaverdash di Milano dove incontra il famoso critico italiano Sandro Iovine, considerato da Nicola Ughi il suo maestro. Diventa quindi fotografo professionista l’anno seguente. Il suo primo reportage di successo, condiviso con due colleghi, è un servizio sul cavallo da corsa Varenne. Si specializza nella fotografia di ippodromi e cavalli, nel ritratto ambientato, nella fotografia di paesaggio e nel reportage (in particolare industriale). I suoi scatti dello scrittore pisano Marco Malvaldi (edito da Sellerio) sono pubblicati su numerosi quotidiani e sulle prestigiose testate italiane Class e Sette del Corriere della Sera. Conquista l’attenzione della stampa quando è inserito in “Young Blood 2009 – annuario dei giovani talenti italiani nel mondo”. Attualmente il fotografo continua la sua ricerca sul paesaggio in connessione al ritratto come espressione della memoria storica dei luoghi e dei territori che egli esplora.

PREMI, PUBBLICAZIONI, MOSTRE – Insieme al fotografo Alessandro Fasolo Garzia, Nicola Ughi vince nel 2008 il terzo premio della sezione “advertising–calendars” dell’International Photography Awards con il calendario della pallacanestro Cantù. Sempre per gli International Photography Awards ottiene diverse menzioni d’onore personali. Nel 2011 vince il primo premio del concorso internazionale “Obiettivo Agricoltura” della sezione “Il lavoro nei campi ed i suoi frutti” promosso dal Ministero dell’Agricoltura. Nel marzo 2013 vince un Nikon FIOF Gold Award e il secondo premio della categoria “storie”. Pubblica due libri con la Pacini Editore: “San Rossore, Reportage da un ippodromo” nel 2007 e “TERRA di Giacomo Puccini” nel 2009. Nel novembre 2012 pubblica, per l’editore ETS, “Tra foce e pineta”, il suo terzo libro fotografico. La mostra tratta dal libro è esposta in anteprima per il Belgio presso Piola Libri a Bruxelles nell’estate del 2013 e nell’autunno dello stesso anno alla Libreria Italiana Le Nuvole di Barcellona. Proprio con il libro “Tra foce e pineta” vince anche il primo premio della sezione “Memoria e litorale pisano” dell’XI Premio nazionale di narrativa e saggistica “Il Delfino” nel settembre 2013. Sempre nel settembre 2013 il fotografo vince nuovamente un premio (a cui si aggiungono 7 menzioni d’onore) agli International Photography Awards aggiudicandosi il secondo posto nella categoria Portraits-People con un’immagine del grande tenore Andrea Bocelli. Nel dicembre 2013 espone allo Spazio Farini 6 di Milano, nella collettiva “And they call it winter”, le immagini tratte dal servizio “A walk in London” che gli hanno procurato due delle 7 menzioni d’onore degli I.P.A. 2013.

Info per il pubblico:
EDIZIONI ETS, PISA – ITALY
piazza Carrara 16, 56126
tel 050 29544, 503868, fax 050 20158
marica.setaro@edizioniets.com, info@edizioniets.com,
http://www.edizioniets.com/Scheda.asp?N=9788846738042, www.edizioniets.com

 Info fotografo:
www.nicolaughiphoto.it
http://www.silverlakephotography.com/guest-blogger-nicola-ughi/
http://www.linkedin.com/profile/view?id=7159963&trk=hb_tab_pro_top

 Info per la stampa:
Alessandro Luigi Perna
Cultura & Giornalismo
History&Photography
Tel. 0039.02.54010248, Cell. 0039.338.5953881
perna@alessandroluigiperna.com, www.alessandroluigiperna.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...