AMORE e PSICHE, la statua di Canova e il dipinto di Gérard dal Louvre a Palazzo Marino di Milano

Amore e Psiche stanti di Antonio CanovaPsyché et l'Amour di Francois Gérarddi Paolo Rausa
Ispirati alla Favola di Psiche, narrata nelle Metamorfosi di Apuleio, i due capolavori di Antonio Canova e François Gérard sono esposti per la prima volta in Italia nella Sala Alessi di Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, frutto della felice partnership, già avviata per il quarto anno consecutivo, di Eni con il Museo del Louvre e in collaborazione del Comune e il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali. La vicenda di Psiche, fanciulla bellissima e per questo invidiata da Afrodite, occupa la parte centrale del romanzo d’amore e di avventura del romano Apuleio, nato a Madaura nell’attuale Algeria nel 125 d.C. circa. Condannata a soffrire d’amore inappagato, – chi fra i mortali poteva ardire alla sua mano? –  alla fine cede a Eros inviato dalla dea, sua madre, a trovarle un marito deforme. Ma punto dalla sua stessa freccia, se ne innamora perdutamente e furtivamente. Una serie di prove imposte alla fanciulla, superate grazie all’aiuto di Eros, che lei svela una notte contravvenendo alle sue disposizioni, consentono ai due amanti di pervenire alla felicità lungamente desiderata. Queste vicende avventurose e d’amore, che nascondono le peregrinazioni dell’animo umano alla ricerca dell’amore  desiderato e alla fine ritrovato, ispirano nel clima restaurato del neoclassicismo il potente e delicato gruppo scultoreo Amore e Psiche stanti del Canova, realizzato nel 1797. I corpi dei due fanciulli efebici sono perfetti e sono ritratti in atteggiamento tenero, mentre Psiche depone sulla mano di Eros una farfalla, simbolo della propria anima. La farfalla che in greco ricalca il nome di psiche rappresentava, già in Omero, il soffio vitale che abbandona il corpo dei viventi. Questa comunione di corpi e di sentimenti trasfigura l’attimo in una eternità senza tempo. Fa coppia con quest’opera d’arte il dipinto Psyché et l’Amour di François Gérard, esposto al Salon del 1798. Rappresenta la scena di un bacio pudico di Eros a Psiche, ritratti secondo l’iconografia classica. Lei, che ha i fianchi e il ventre coperti da un velo, sembra volersi coprire i seni con entrambe le mani, mentre il suo sguardo assente conferisce alla figura femminile una grazia e una passione ormai fuori dal tempo. Amore e Psiche a Milano, Palazzo Marino – Sala Alessi, dal 1° dicembre 2012 al 13 gennaio 2013, ingresso gratuito, orari: tutti i giorni dalle ore 9,30 alle 20,00; il giovedì fino alle 22,30; info: n. verde  gratuito 800.14.96.17. Siti:  www.amoreepsicheamilano.it, www.cultura.eni.com, www.comune.milano.it.
San Giuliano Milanese, 5/12/2012
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...